Trading sui CFD azionari – cosa offre Wall Street questo mese?

Mentre Wall Street si prepara per la Earnings Season, prendiamo in considerazione cosa si possono aspettare gli investitori dal secondo trimestre.

wall_street_sign_flags

S&P 500 e Dow Jones entrano nel secondo trimestre registrando una chiusura di stagione vicina a dei picchi da record, mentre le aspettative che la Federal Reserve non alzerà i tassi d’interesse quest’anno rafforzano i mercati azionari.

Tre mesi fa, le società americane hanno promesso poco e realizzato tanto. I guadagni erano poveri ma hanno superato alcune previsioni estremamente deboli per aiutare gli indici americani a risalire dalla depressione di febbraio.

Questa volta, ci si aspettava un calo dei guadagni di S&P 500 del 5,6%, secondo FactSet.

“Se l’indice riporta un calo dei guadagni del secondo trimestre, questa sarà la prima volta che l’indice registra cinque trimestri consecutivi di declino nei guadagni, tra il terzo trimestre del 2008 e il terzo trimestre del 2009”, ha spiegato il gruppo di analisti.

Le indicazioni delle imprese sono pessimistiche – 81 società hanno pubblicato indicazioni EPS negative, contro 32 positive.

In termini di valutazione, FactSet ha dichiarato che il rapporto P/E per i prossimi 12 mesi è di 16,6, vale a dire più del valore medio su 5 anni (14,6) e del valore medio su 10 anni (14,3).


Previsioni superate


La Earning Season del primo trimestre è stata una lezione per i trader che vogliono fare trading sui risultati. Le proiezioni negative sono state superate facilmente, portando una boccata d’ossigeno al prezzo dei titoli di molte imprese, soprattutto banche.

E i dati confermano come questa tendenza possa tranquillamente verificarsi questa volta.

Negli ultimi quattro anni, dice FactSet, il reddito riportato dalle società di S&P 500 hanno superato le stime del 4%. Durante questo periodo, più di due terzi (68%) delle società elencate sull’indice hanno riportato un EPS reale al di sopra dell’EPS stimato.

Con l’indice vicino ad un picco record e gli investitori in attesa di deboli guadagni, alcuni numeri inaspettati potrebbero portare le società S&P 500 verso nuovi picchi.


Attenzione al settore


Con un 7,5%, ci si aspetta che il settore delle telecomunicazioni registri la crescita più alta di tutti e 10 i settori S&P 500. Delle cinque società del settore, AT&T dovrebbe essere quella in testa, dice FactSet.

Si prevede che Consumer Discretionary registri la seconda crescita più alta, con un 6,4%.

Le società energetiche dovrebbe riportare il maggiore calo rispetto all’anno precedente (-77,1%) tra tutti e 10 i settori. Il settore dei materiali invece dovrebbe aggiudicarsi il secondo posto, con un calo del -12,3%.

Nonostante la debolezza dei guadagni, vi è comunque molto ottimismo intorno a questo indice americano.

John Butters, senior earnings analyst presso FactSet, dice che l’insieme delle previsioni degli analisti suggerisce che S&P 500 salirà del 10% nei prossimi 12 mesi.

IT_WallSt